Doppia Elica

  • Phone: +39 02 40303258
  • Mail: info@doppiaelica.com
  • Website: http://www.doppiaelica.com
  • Address: via Desenzano 14, 20146 Milano
Facebook per le PMI: cosa è cambiato

Facebook ha modificato radicalmente l’algoritmo alla base del News Feed (il flusso di notizie in bacheca) degli utenti, troppo spesso raggiunti da contenuti poco rilevanti.

Cosa cambia per le PMI presenti con una propria Pagina su Facebook, i cui aggiornamenti hanno visto drasticamente abbattuto il proprio ‘reach’? L’unica soluzione per raggiungiure gli utenti resta quella di ricorrere a contenuti sponzorizzati? NO! Vediamo perché.

Facebook è un’azienda che deve vendere interazioni, contenuti e spazi di visibilità. Per farlo, deve garantire che, nel mare di contenuti sponsorizzati (Facebook Ads) e non, l’esperienza degli utenti sia il più possibile piacevole e gratificante.

Ecco quindi che oltre al restyling della piattaforma (per andare in contro alle esigenze di chi fruisce dei contenuti da mobile), la strada scelta è quella della lotta ai i contenuti poco rilevanti e/o ‘spammosi’ per gli utenti!

Cosa verrà penalizzato d’ora in poi su Facebook (cosa cioè non comparirà nel NewsFeed dei fan di una Pagina)? Tutto ciò che in qualche modo di prefigge di “fregare” Facebook e i suoi utenti:

– contenuti usati come esca per ottenere Like (“metti mi piace/condividi se…”).
– contenuti ridondanti che circano sul Social da troppo tempo.
– link ingannevoli (o link spam): quei link che portano l’utente su siti colmi di inserzioni pubblicitarie.

Il monito per le PMI (e per tutti!) è, ancora una volta, quello di produrre contenuti di qualità!

Badate bene, se nella vostra Fan Page i contenuti riguardano unicamente gattini, link inganenvoli e altri conteuti poco interessanti per il vostro target, state certi che i vostri contenuti saranno penalizzati.
“Ma quindi devo sponsorizzare per forza i miei contenuti per essere più visibile?”

É chiaro che i contenuti sponzorizzati (a pagamento) hanno maggior visibilità rispetto ai contenuti organici, ma le pagine che continueranno a produrre contenuti realmente utili per gli utenti, avranno ancora un buon livello di engagement, quindi non vedranno calare drasticamente le proprie performance.
Quindi:

Coindividete con gli utenti dei contenuti interessanti e di qualità, date un’occhiata agli Insight della vostra pagina, pubblicate quando i vostri Fan sono online, analizzate i contenuti di maggiore successo, proponetene di nuovi nella stessa ottica e… non provate a fregare Facebook!

 

Image courtesy of ponsuwan / FreeDigitalPhotos.net“.